“La parola è mezzo che ci relaziona, la parola è ambiente dentro il quale vivo e lavoro. Mi piace andare incontro al confronto e adesso, dopo molti anni di lavoro e confronti vis a vis, questa mi si presenta come un’opportunità diversa di andare incontro al dialogo, una possibilità di apertura ulteriore.

La decisione dell’essere presente su internet appariva molto lontano fino a poco tempo fa, mi sentivo lontana da questa forma di comunicazione. Da quando ho iniziato quest’avventura, mi accorgo che è un’esperienza che mi mancava e nella quale avverto vaste opportunità che nascono dalle mille, impreviste domande che intorno ad essa nascono.
Nasce anche da un’occasione, questa decisione, un’occasione data dall’uscita del libro “Avevo un pregiudizio – viaggio tra formazione e poesia” i cui temi credo abbiano bisogno di uno spazio e ambito più vasti di dialoghi, scambi e condivisioni.

Ho sempre considerato la scrittura una forma privilegiata, sia di comunicazione, sia di ricerca personale, mezzo attraverso il quale si ‘nasce’ di nuovo, nel raccontarsi. La mia scrittura è stata fino ad adesso o solitaria o nata dentro a gruppi di lavoro, ora colgo l’opportunità di internet anche come apprendimento e pratica di nuove, possibili, scritture.”

Maria Grazia Chinato

La mia storiaprofessionale

Le ultime segnalazioni su eventi e news

Relazioni di cura come spazio poetico – evento del 26 Febbraio 2016

Sono lieta di annunciare – assieme e grazie al Circolo della Rosa e alla  libreria Libre! – l’evento: Relazioni di cura come spazio poetico venerdì 26 febbraio ore 17.30 Via  Santa Felicita, nr.13 a Verona A proposito del viaggio tra formazione e poesia, curato e scritto da Maria Grazia Chinato nel libro Avevo un pregiudizio, (Bonaccorso 2014), esperienza di un laboratorio poetico con ragazzi disabili all’interno di un Centro di Formazione Professionale. Ne parleranno: Annarosa Buttarelli, Lucia Robustelli e l’autrice, Maria Grazia Chinato. Vi...